Archive For: Primi piatti

Penne di farina di farro integrale con cipolla rossa e peperoni gialli, rossi e pinoli tostati

(per 5 persone)

500 gr di penne trafilate in bronzo di farina di farro biologica
80 gr di cipolla rossa
200 gr di peperoni gialli
200 gr di peperoni rossi
80 gr di pinoli
7 cucchiai di olio extravergine di oliva
25 foglie medie di basilico
sale e pepe bianco (spolverata di parmigiano facoltativa)

Tagliate le cipolle rosse a fettine molto sottili e rosolatele in 7 cucchiai di olio extravergine per 7 minuti insieme ai pinoli, aggiungete i peperoni gialli e rossi tagliati a striscioline lunghe 5 cm e continuate a cuocere a fuoco vivo per almeno 10 minuti. Mettete 3 pizzichi piccoli di sale fino, 4 macinate di pepe bianco e le foglie di basilico strappate a metà. Continuate a cuocere per soli 5 minuti. Cuocete le penne al farro integrale in acqua salata e scolatele 3 minuti prima del tempo di cottura. Fatele saltare e finire di cuocere con l’aiuto dell’acqua di cottura fino a che non ci sia una buona cremosità. Servire la pasta ben calda con sempre facoltativo una spolverata di parmigiano.

Ricetta molto colorata pronta in poco tempo e di buon impatto al palato. Profumo e colore.

Buon risveglio!

Pappardelle sul cinghiale

(per 5 persone)

700 gr di polpa di cinghiale
60 gr di sedano
70 gr di cipolla bionda
70 gr di carota
2 spicchi d’aglio piccoli
3 chiodi di garofano
2 pezzettini di cannella
10 bacche di ginepro
½ mela a fette
7 cucchiai di olio extravergine di oliva
un bouquet di odori (6 foglie di salvia e un rametto di rosmarino e 2 foglie di alloro fresco)
80 ml di pomodoro pelato
1 bottiglia di vino rosso
200 ml di vino bianco
brodo n.2
pepe bianco
noce moscata
sale

Per la pasta:
5 uova grandi
500 gr di farina 0
5 cucchiai di acqua tiepida
3 cucchiaini di olio extravergine di oliva
2 pizzichi di sale

Il procedimento per la sfoglia della nostra pasta è uguale alle ricette precedenti. Al momento della spianatura della sfoglia tiratela fine e piegate in 4 la pasta e tagliate le vostre pappardelle larghe di 2 cm. Mettete un spolverata di farina di grano duro sopra. Mettete la vostra polpa di cinghiale a marinare una notte con il vino e tutte le verdure e spezie. Il giorno dopo levate la polpa dal vino e tagliatela a pezzi da 5 cm.

Tritate le verdure fini mettete in padella chiodi di garofano, cannella e bacche di ginepro. Fate rosolare il trito di verdure con 7 cucchiai di olio extravergine di oliva per una decina di minuti. Mettete la carne di cinghiale fatela rosolare bene insieme al trito e quando cambia colore, versate il vino bianco e coprite la carne con il brodo vegetale n.2. Aggiungete il bouquet degli odori al cinghiale (salvia, rosmarino e alloro) e cuocete per circa 20 minuti dopo aggiungete il pomodoro pelato. Cuocere per un altra ora. Levate i pezzi di cinghiale e batteteli a coltello a pezzi grossolani, rimetteteli in padella a cuocere per 5 minuti mettete sale, pepe e noce moscata. Il vostro sugo di cinghiale è pronto. Cuocete le vostre pappardelle in acqua salata per circa 7 minuti e versatele nella padella. La consistenza delle pappardelle deve essere molto morbida e cremosa.

Ricetta classica in toscana di grandissima importanza. Ottime in inverno è un classico per me quando faccio le cene di ritrovo con i miei amici. Le famose rimpatriate.

Buon risveglio!